Come ritrovare la Forza grazie al tuo “Grande Perché”

Come ritrovare la Forza grazie al tuo Grande Perché

L’incostanza, la mancanza di perseveranza e la scarsa regolarità hanno da sempre rappresentato uno dei miei più grandi limiti.

Quando in passato intraprendevo qualche attività legata alle mie passioni, partivo quasi sempre con un grande entusiasmo, che poi vedevo spegnersi dopo un certo tempo.

Questo mi accadeva in ogni campo, tranne, chiaramente, quelli in cui ero costretto ad agire, come ad esempio il lavoro e gli impegni presi con altre persone.

Se prendevo un impegno con me stesso, difficilmente lo rispettavo per lungo tempo!

Come un’ape che passa di fiore in fiore, così la mia Attenzione veniva catturata da un’idea, poi un’altra… e un’altra ancora.

Passione e Desiderio perdevano il loro ardore dopo un tempo più o meno breve… e mi trovavo a saltellare da un’attività all’altra, proprio come un’ape!

Il periodo in cui sono riuscito ad essere più costante è stato quando ho aperto un blog sulla crescita personale, sul quale ho scritto con cadenza regolare per circa 4 anni.

In quella circostanza ho smesso perché sono stato emotivamente segnato da una situazione personale che non mi ha dato più la forza e la voglia di continuare.

Il loop, il pattern, lo schema interiore che ho individuato, ho potuto imparare a conoscerlo e a Vederlo in tante altre circostanze della mia Vita, e questo mi ha aiutato a gestirlo, potendone prevedere gli sviluppi e, quindi, agendo in anticipo.

La cosa più importante che ho imparato (forse per molti quasi una banalità) è la fondamentale necessità di avere un Solido PERCHÉ che muova tutto.

Quando decidi di intraprendere una nuova attività – di qualunque cosa si tratti – è fondamentale che tu tenga ben presente la Motivazione Profonda che alimenta le tue azioni.

Quest’ultima rappresenta il Carburante Interiore che continuerà ad alimentare le tue azioni, anche quando altre parti indisciplinate della tua Personalità/Ego cercheranno di metterti il bastone tra le ruote, ostacolandoti e facendoti perdere energia (e quindi motivazione nel proseguire).

Questo accade perché la tua personalità è frammentata in tanti piccoli “io” che, in assenza di un’Anima/Padrona forte ed autorevole che esprima la sua Ferma Volontà, agiscono in modo totalmente anarchico e ti portano letteralmente dove gli pare!

Ma ognuna di queste parti è comunque una manifestazione dell’Essere, filtrata dal Corpo Mentale, poiché:

  1. Tutto ciò che esiste è Essere.
  2. L’Essere “diventa” Fare.
  3. Il Fare dipende dal Corpo Mentale.
  4. Dietro ogni Fare c’è un Perché.

Cerco di essere più chiaro approfondendo questi punti:

  1. Non esiste null’altro al di fuori dell’Essere. Qualunque cosa tu possa vedere accadere, è una manifestazione dell’Essere.
  2. L’Essere diventa Fare attraverso la concretizzazione pratica di un’Intenzione: nel momento in cui DECIDO di compiere un’azione, avvio la manifestazione dell’Essere attraverso il Fare.
  3. Quello che faccio dipende dal mio Filtro Mentale, dal mio Sistema di Credenze, cioè dai pensieri e dalle convinzioni radicate nel profondo della mia mente.
  4. Ciò che avvia la “conversione” dell’Essere nel Fare è il “perché” relativo a QUEL Fare, che è strettamente connesso all’Intenzione: io ho intenzione di fare qualcosa PERCHÉ qualcos’altro mi spinge a farlo.

Supponiamo che tu stia intraprendendo un nuovo progetto chiamato “LAVORO SU DI SÈ“:

  • Perché hai deciso di farlo?
  • Cosa ti spinge a lavorare su di te?
  • Quale risultato vuoi ottenere?

Per quanto mi riguarda:

  • Lavoro su di me perché ho Visto i miei 3 corpi (Fisico, Mentale ed Emotivo) in azione, ed ho avuto la chiara percezione di non essere nessuno di loro, ma Colui che li Osserva.
  • Lavoro su di me per disidentificarmi da questi corpi, per scollarmi da loro e sentirmi libero dal dolore e dalla sofferenza (che non significa non provare sofferenza, ma semplicemente non diventare sofferenza).
  • Lavoro su di me per poter Scegliere da quale emozione farmi trascinare via, decidendolo attraverso le mie Azioni Interiori.
  • Lavoro su di me per avere testimonianza della mia Immortalità e trascendere la Paura, raggiungendo il Regno dei Cieli qui, in Terra.

Quest’elenco (che potrebbe continuare ed essere approfondito a livelli sempre più profondi e definiti) è FONDAMENTALE, poiché rappresenta il mio Grande PERCHÉ, ciò che muove le mie azioni e mi dà la Forza di andare avanti anche quando altre parti della Personalità/Ego tentano di sabotarmi e di sedurre la mia Attenzione, cercando di farla virare su altro.

E mi è di grande aiuto quando mi accorgo di vacillare, quando sento che la mia Energia Interiore si sta focalizzando troppo su altre attività facendomi perdere di vista la Rotta.

Quando ciò accade, torno subito al mio PERCHÉ e ricordo (cioè “riporto al Cuore“) le mie motivazioni profonde, correggendo il tiro e rientrando sui binari giusti.

In questo modo mi riapproprio della Forza per continuare ad andare avanti.

Come ritrovare la Forza grazie al tuo “Grande Perché”

Anche in questo caso, per nostra (tua e mia) utilità, sintetizzo il processo in uno schema. Considera che puoi applicarlo a qualunque attività.

  1. Decidi cosa fare (o continua a fare ciò che fai);
  2. Elenca i tuoi “Perché” che, insieme, costituiranno il tuo Grande PERCHÉ;
  3. Rileggi la lista con regolarità (una volta a settimana va benissimo);
  4. Rivedi la lista quando ne senti la necessità: se qualche “perché” ti sembra indebolito, prova a riformularlo in maniera più efficace e scendi a livelli sempre più profondi;
  5. Rileggi la lista tutte le volte che, auto-osservandoti, ti accorgi che stai mollando la presa. Se questo accade, è probabilmente necessario entrare più in profondità nel tuo Grande PERCHÉ, trovando (e rafforzando) gli anelli deboli della catena (punto 4).

Il tuo “Perché” è la tua Forza.

Ho finito.

Se sei arrivato/a a leggere fin qui… chiediti PERCHÉ! 🙂

Anima sul Sentiero
Sii la Fiamma che arde nella notte.

Commenta l'articolo:

Ricevi notifica dei nuovi commenti
Notifica di
guest
1 Commento
Più vecchi
Più recenti Più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
trackback
Come sviluppare la Gratitudine e sentirsi veramente Grati – Anima sul Sentiero
2 mesi fa

[…] istintivamente a pormi delle domande, la prima delle quali mi è servita a trovare il mio Grande Perché della […]

Alchimia e Lavoro pratico su di Sé (gratis) sul tuo smartphone.

Anima sul Sentiero