Come padroneggiare la Legge di Risonanza (Legge di Attrazione)

Come padroneggiare la Legge di Risonanza (Legge di Attrazione)

In quest’articolo ti svelerò 2 segreti per padroneggiare la Legge di Risonanza (Legge di Attrazione), che ho scoperto lavorando su me stesso.

Il mondo in cui vivi esprime TOTALMENTE il tuo livello di coscienza e ciò che SEI dentro, nel profondo.

Ogni evento della tua vita, anche quelli per i quali fai fatica a sentirti responsabile, è attratto solo ed esclusivamente da te.

Anche se nello stato di coscienza ordinario del 99% degli esseri umani (quindi di ADDORMENTAMENTO) non ce ne accorgiamo, ogni attimo della nostra vita è caratterizzato dall’emanazione di una sottile vibrazione che, per risonanza, attrae tutto ciò che ci accade.

Sta avvenendo anche ora.

I tuoi pensieri e le tue emozioni dominanti, quelle che si nascondono nelle profondità più recondite dell’inconscio, sono sempre in attività.

Questo significa che, se il tuo demone interiore della rabbia è particolarmente attivo, lo sarà anche mentre tu, dal punto di vista cosciente, percepisci calma.

E questo vale per ogni altra carica emotiva.

La legge universale che governa questo fenomeno è detta Legge di Risonanza (o Legge di Attrazione), ed è molto probabile che tu ne abbia già sentito parlare.

La Legge di Risonanza è in funzione 24 ore su 24 e si basa sul principio: il simile attrae il simile.

Semplificando, la vibrazione che emetti attrarrà persone e situazioni in sintonia con la sua frequenza vibratoria.

Prendiamo l’esempio della radio. Cosa fai se vuoi ascoltare una stazione radio particolare? Ti sintonizzi sulla sua frequenza.

E questo è esattamente ciò che puoi fare – CONSAPEVOLMENTE – nella tua vita, quando avrai imparato a padroneggiare la Legge di Risonanza.

Dico “consapevolmente” perché, come premesso in apertura, questo processo avviene in modo quasi del tutto inconscio.

L’inconscio è un deposito di forme pensiero (un mix di energia mentale ed emozionale che ribolle nell’oscurità) e determina ogni istante della tua esperienza.

Una “forma pensiero” nasce da un pensiero (proprio o indotto) e si potenzia attraverso l’emozione, la visualizzazione, la ripetizione e i rituali.

Se nutrita con costanza, una forma pensiero può crescere e diventare un’entità autonoma che comincia a cercarsi il nutrimento da sé.

È per questo che, spesso, la tua mente ti fa pensare con insistenza a ciò che non vorresti. L’entità che si nasconde dietro quel pensiero ha semplicemente famee si nutre della tua energia.

E siccome la sua voracità è superiore alla tua capacità di dominare i corpi inferiori (quindi di essere costantemente nell’Anima), è lei ad avere la meglio.

Tutte le volte che ti ricordi di te osservando con distacco le tue forme pensiero, stai togliendo loro nutrimento e ti stai riappropriando dell’energia che ti hanno sottratto, reintegrandola nel tuo Essere.

Attraverso la presenza (percependo di essere [email protected]) e l’osservazione del corpo mentale (pensieri) e del corpo emotivo (emozioni), puoi innescare un processo di integrazione delle forme pensiero che ti abitano e che ti prosciugano dal punto di vista energetico a causa della loro attività parassitaria (vogliono solo sopravvivere).

Frammentazioni egoiche, entità parassitarie, sub-personalità, demoni interiori… si tratta sempre di forme pensiero, più o meno articolate e potenti, che riecheggiano nel nostro campo energetico e determinano gli accadimenti che troppo spesso imputiamo a cause esterne.

Le cause non sono MAI esterne. L’esterno è l’EFFETTO. La causa è SEMPRE all’INTERNO.

Come detto, le forme pensiero nascono da un pensiero che va poi coltivato attraverso la reiterazione del pensiero stesso, l’emozione, la visualizzazione e l’azione.

Quest’ultima può essere sia coerente con il risultato che si intende ottenere, sia di tipo ritualistico.

Nel primo caso (quello che interessa a noi) si tratta di agire “come se… il risultato ambito fosse già acquisito“.

Cosa significa?

Significa che, se ad esempio il tuo obiettivo è sostituire la vibrazione di scarsità con quella di abbondanza, devi cominciare a comportarti come se l’abbondanza facesse già parte di te.

Quindi, per prima cosa, devi individuare con precisione tutte le caratteristiche INTERIORI delle persone che vivono nell’abbondanza e nella prosperità.

Una volta compiuta quest’analisi essenziale e propedeutica, devi cominciare ad INCARNARE IL CAMBIAMENTO agendo “come se…” (quindi imitando – prima di tutto interiormente – i modelli comportamentali selezionati).

Cosa fa, secondo te, una persona che ha sviluppato la vibrazione dell’abbondanza e della prosperità, se si trova a dover pagare una bolletta? Prova frustrazione mentre paga? Si lamenta del fatto che le bollette siano sempre più salate? Procrastina il più possibile il momento in cui si separerà dai propri soldi per pagare la bolletta?

NO.

Una persona che interiormente vibra di prosperità e ricchezza, lo farà a cuor leggero, come stesse bevendo un bicchier d’acqua.

Ed è quello che devi abituarti a fare anche tu (nel caso lo scopo sia questo dell’esempio).

Semplice, no? 🙂

Padroneggiare la Legge di Risonanza – 1° SEGRETO

Il 1° segreto per padroneggiare la Legge di Risonanza è strettamente legato al livello di coscienza che hai raggiunto e a quanto tu sia identificato (o meno) con la personalità/ego.

A prescindere dall’obiettivo che ti sei [email protected], sappi che, se questo è in linea con il tuo Piano Divino, vederlo realizzato nella materia sarà solo questione di tempo.

Qui nasce un quesito fondamentale: come capire se il proprio scopo sia allineato al Piano Divino dell’Anima?

Per rispondere con certezza a questa domanda (o almeno per andarci molto vicino), è necessario che il tuo obiettivo soddisfi queste due condizioni:

  • Consentirti di sviluppare i tuoi talenti;
  • Creare valore da mettere al servizio del prossimo.

Se quindi vuoi aumentare in modo esponenziale (rasentando la certezza) le possibilità di successo, METTI I TUOI TALENTI AL SERVIZIO DEL PROSSIMO.

Ecco svelato il primo, imprescindibile segreto.

Padroneggiare la Legge di Risonanza – 2° SEGRETO

Il 2° segreto per padroneggiare la Legge di Risonanza è invece l’anello mancante del processo operativo classico di questa legge, che consiste nel:

  1. Fissare un obiettivo;
  2. Affermare di averlo già raggiunto;
  3. Visualizzarlo già raggiunto;
  4. Provare l’emozione (o le emozioni) di averlo raggiunto;
  5. Ringraziare per averlo raggiunto.
  6. Agire come se fosse già raggiunto;

La grande difficoltà verso la quale si scontrano (schiantano!) quasi tutti coloro che cercano di padroneggiare la Legge di Risonanza, è la resistenza della mente conscia rispetto – soprattutto – ai punti 2 (affermazioni) e 6 (agire “come se…”).

Se voglio diventare ricco ma non lo sono né dentro né fuori, nel momento in cui mi ripeto di esserlo o agisco come se interiormente vibrassi di abbondanza e prosperità, la mente conscia comincia a formulare pensieri limitanti che mi inchiodano allo status attuale.

Questo va a demotivarmi e a farmi perdere energia. La naturale conseguenza è l’abbandono dell’ambiziosa idea di arricchirmi.

Come comportarsi, quindi? Come bypassare il controllo conscio per ottenere un cambiamento inconscio? Come convincersi di qualcosa che in questo momento non è ancora reale sul piano fisico?

In realtà non è così semplice. Ogni cambiamento necessita di un tempo di maturazione. Quindi nulla può essere forzato.

Quello che puoi/DEVI fare, è applicare l’Intenzione Spirituale n. 2AUTO-OSSERVAZIONE – tutte le volte che il corpo mentale e quello emotivo ti dovessero ostacolare.

Praticamente, ogni volta che stai “incarnando il cambiamento” e compare un pensiero limitante o un’emozione negativa, devi semplicemente OSSERVARE IL PENSIERO e STARE SULL’EMOZIONE, fino a quando non saranno rientrati.

Nel caso in cui il pensiero limitante – e/o la relativa emozione collegata – comparissero mentre pronunci o mentalizzi un’affermazione, dopo esserti [email protected] devi continuare a reiterare quest’ultima. Favorirai, così, l’integrazione delle convinzioni limitanti (attraverso l’osservazione) e l’innesto di nuove idee funzionali al tuo scopo (attraverso le affermazioni).

In definitiva si tratta di lavorare all’INTEGRAZIONE delle forme pensiero limitanti che compariranno lungo il cammino, attraverso l’OSSERVAZIONE e il SENTIRE.

Ecco svelato il secondo, importantissimo segreto.

In sintesi, come padroneggiare la Legge di Risonanza?

Alla luce di quanto detto finora, quella che segue è una schematizzazione dell’intero processo (comprensivo dei 2 segreti) per padroneggiare la Legge di Risonanza (o Legge di Attrazione):

  1. ALLINEATI al Piano Divino: scegli un obiettivo che ti consenta di sviluppare i tuoi talenti e metterli al servizio del prossimo (1° segreto);
  2. INCARNA il cambiamento: agisci come se il tuo obiettivo fosse già raggiunto; visualizza nella tua mente (possibilmente almeno mattino e sera) il risultato già acquisito, e prova le emozioni che proveresti nel raggiungerlo realmente, dopodiché ringrazia.
  3. INTEGRA le forme pensiero limitanti: osserva i pensieri e resta sulle emozioni, fino alla loro scomparsa dalla coscienza.

Ultimi accorgimenti psico-spirituali per non incappare nelle trappole della personalità:

  • Agisci nella consapevolezza che tutto accade per la tua evoluzione;
  • Non attaccarti al risultato, ma goditi il viaggio;
  • Lascia andare il desiderio di controllo;
  • Accetta a cuore aperto tutto ciò che arriva;
  • Tieni sempre presente che sei un canale: “Non tu, ma il Padre attraverso te“.

E ricorda: ogni manifestazione del mondo fisico è SEMPRE il risultato di un atto creativo (volontario o meno) sui piani sottili.

Ti saluto invitandoti ad un’ultima riflessione:

Non ottieni ciò che vuoi, ottieni CIÒ CHE SEI. Se ciò che vuoi non corrisponde a CIÒ CHE SEI, non potrai mai ottenere risultati solidi e duraturi.

ALLINEATI, INCARNA, INTEGRA!

Anima sul Sentiero
Sii la Fiamma che arde nella notte.

Commenta l'articolo:

Ricevi notifica dei nuovi commenti
Notifica di
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Alchimia e Lavoro pratico su di Sé (gratis) sul tuo smartphone.

Anima sul Sentiero