Esercizio di Presenza – Il Setaccio Interiore

Esercizio di Presenza - Il Setaccio Interiore

Un esercizio di presenza è un potente aiuto per tornare (e restare) nel qui-e-ora, nell’eterno momento presente, quel luogo dove tutto accade e dal quale, purtroppo, fuggi via ogni giorno, [email protected] dalle forme-pensiero che vampirizzano la tua energia tenendoti [email protected] della realtà illusoria che ti sei [email protected]

L’esercizio di presenza di oggi è un po’ diverso da quelli visti finora in quanto, oltre a riportarti nell’adesso, si propone di farti andare ancora più a fondo rispetto a ciò che stai provando, allo scopo di individuare le forme-pensiero che stanno determinando il tuo stato interiore.

Il nome dell’esercizio – “Il Setaccio Interiore” – deriva proprio dall’effetto che si propone, vale a dire la separazione dell’energia emozionale da quella mentale, allo scopo di far luce sulla seconda, che generalmente è causa della prima.

Ecco la descrizione dell’esercizio.

Esercizio di Presenza – Il Setaccio Interiore

L’esercizio consiste nel tornare più volte nel qui-e-ora durante il giorno, al fine di individuare le forme-pensiero attive in un particolare momento attraverso il setacciamento della sostanza emozionale per separarla da quella mentale.

Ogni pensiero che venga alimentato nel tempo e arricchito da energia emozionale, ad un certo punto diventa una forma-pensiero autonoma e continua a cercarsi nutrimento per sopravvivere.

E il nutrimento, sei TU.

Noi creiamo continuamente delle forme-pensiero, ma lo facciamo sempre in modo inconsapevole.

L’esercizio di oggi ha come scopo proprio quello di fare luce sulle forme-pensiero che determinano i nostri stati emotivi.

  1. Innanzitutto, la sera prima dell’esercizio e la mattina del giorno in cui ti impegnerai a svolgerlo, devi affermare l’intenzione di volerlo svolgere (e reiterare tale intenzione nel corso della giornata). Quest’aspetto è fondamentale.
  2. Durante il giorno, chiediti più volte: COSA STO PROVANDO IN QUESTO MOMENTO?
  3. Sposta poi l’attenzione all’interno e focalizzati sul Corpo Emotivo, restando sulle emozioni che provi con la massima presenza possibile.
  4. A questo punto, dopo aver raggiunto una certa profondità percettiva, formula l’intenzione di indagare la sostanza emotiva alla ricerca delle forme-pensiero che si nascondono a un livello più profondo: PERCHÉ MI SENTO COSÌ? QUALI PENSIERI CI SONO, DIETRO QUESTO STATO INTERIORE?
  5. Resta quindi in ascolto e prendi nota dei pensieri che vengono fuori. La loro importanza è notevole poiché rappresentano la causa dello stato emotivo che stai vivendo.
  6. Infine, impegnati a togliere nutrimento alle forme-pensiero che hai individuato (non alimentandole più attraverso la ripetizione o gli stati d’animo associati) e a formulare pensieri opposti da coltivare giorno per giorno. In questo modo creerai nuove forme-pensiero funzionali agli alti scopi della tua evoluzione spirituale.

Ci tengo a precisare che, dal punto di vista alchemico, il lavoro primario resta la presenza sull’emozione. D’altro canto, però, conoscere le forme-pensiero che governano i tuoi stati interiori, ti consente di togliere loro nutrimento, favorendo un’attitudine interiore funzionale al Lavoro su di Sé.

Ecco un esempio pratico.

Esercizio di Presenza – Il Setaccio Interiore – Esempio reale

  1. Qualche settimana fa, in un momento di presenza, mi sono chiesto: “COSA STO PROVANDO IN QUESTO MOMENTO?“.
  2. Mentre lo facevo, mi sono subito accorto di un sottile malessere al quale non avevo nemmeno fatto caso.
  3. Per prima cosa sono rimasto sull’emozione con la massima presenza possibile.
  4. Quindi mi sono chiesto: “PERCHÉ MI SENTO COSÌ? QUALI PENSIERI CI SONO, DIETRO QUESTO STATO INTERIORE?“.
  5. Improvvisamente, mi sono accorto che quel malessere era dovuto ad un impegno serale che proprio non avevo voglia di affrontare.
  6. Siccome il mio obiettivo era giungere alle forme-pensiero da cui originasse il malessere, ho cominciato ad indagare sul perché fossi demotivato, e sono riuscito ad individuarne un paio.
  7. Il passo successivo è stato creare forme-pensiero opposte e coltivarle, giorno per giorno, togliendo al contempo nutrimento – attraverso l’osservazione distaccata e la non ripetizione – a quelle che avevo individuato.

Esercizio di Presenza – Il Setaccio Interiore – Osservazioni finali

Ogni tuo stato emotivo è sempre la manifestazione di una forma-pensiero che si è attivata e ti sta portando via energia per garantirsi il nutrimento di cui ha bisogno per sopravvivere.

Con l’esercizio di oggi hai acquisito un ulteriore strumento per affrontare le entità energetiche che ti abitano e favorirne l’integrazione.

Se ancora non ti sei [email protected] al canale Telegram, ti suggerisco di farlo subito. È un modo molto immediato per confrontarsi ed evolvere attraverso la condivisione di saperi ed esperienze.

Ti aspetto!

Anima sul Sentiero
Sii la Fiamma che arde nella notte.

Commenta l'articolo:

Ricevi notifica dei nuovi commenti
Notifica di
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Alchimia e Lavoro pratico su di Sé (gratis) sul tuo smartphone.

Anima sul Sentiero