Esercizio di Presenza – Relax!

Esercizio di Presenza - Relax!

Un esercizio di presenza è uno strumento essenziale nel Lavoro su di Sé, che ti riporta nell’unica certezza assoluta e inconfutabile, il qui-e-ora, il momento presente, quello spazio fuori dal tempo dove ha luogo ogni cosa, dove la Vita, semplicemente… ACCADE, ed è importante proprio perché, ogni giorno, trascorri la maggior parte della tua esistenza nel tempo psicologico del passato (memoria) e del futuro (anticipazione).

L’esercizio di presenza di oggi ha una duplice funzione. Da un lato ti consente di riconnetterti all’ADESSO, alla tua Vera Natura. Dall’altro ti fa risparmiare preziosa energia che potrai investire in altre attività.

Il nome – “Relax!” – ne descrive in modo conciso la finalità.

Ecco la descrizione dell’esercizio.

Esercizio di Presenza – Relax!

L’esercizio è tanto semplice quanto efficace, e consiste nel riportarsi più volte al giorno nel qui-e-ora, al fine di individuare gli stati di tensione muscolare, per poi lasciarli andare.

Ogni giorno, in ogni momento, la tua macchina biologica (l’insieme dei corpi fisico, emotivo e mentale) – meccanicamente – assume posture e atteggiamenti fisici (dei quali ti accorgi solo di rado) che ti sottraggono preziosa energia.

L’esercizio di presenza che ti propongo oggi, ha come obiettivo proprio quello di riappropriarti dell’energia sprecata nei suddetti automatismi. Naturalmente, per conseguirlo, sarà indispensabile ESSERCI e VEDERE ciò che accade.

  1. La sera prima dell’esercizio e la mattina seguente, devi affermare l’intenzione di volerlo applicare (ripetendola anche nel corso della giornata). Quest’aspetto è fondamentale perché ti aiuta a restare [email protected] sull’intento.
  2. Durante il giorno, chiediti più volte: IN QUALE PARTE DEL CORPO FISICO STO SPRECANDO ENERGIA, IN QUESTO MOMENTO?
  3. Sposta poi l’attenzione al Corpo Fisico e passa velocemente in rassegna i tuoi muscoli, cercando di sentire dove siano localizzate le eventuali tensioni.
  4. Poi, dopo essere [email protected] in profondità con l’osservazione, isola i punti del corpo ai quali ti puoi permettere di togliere energia, in relazione all’azione che stai compiendo (esempio: se stai guidando, non ti sognerai mai di sottrarre energia alle mani o ai piedi, ma magari rilasserai le spalle).
  5. A questo punto devi semplicemente lasciare andare le parti del corpo che hai individuato, rilassandole dal punto di vista muscolare. A un livello più superficiale ed evidente, è proprio nei muscoli, infatti, che possiamo notare gli stati di tensione, i quali sono quasi sempre la manifestazione – nel corpo – di forme-pensiero attive.
  6. L’ultimo punto consiste nel VEGLIARE sulla condizione di rilassamento raggiunta, poiché gli stati di tensione tenderanno a riproporsi nell’immediato (o al massimo quando sarai [email protected] nella meccanicità). In questo caso, appena [email protected], lascerai nuovamente andare le tensioni.

Applicando costantemente quest’esercizio di presenza, riuscirai a creare nuovi automatismi grazie ai quali tornerai VIGILE nel momento presente ed eviterai il drenaggio energetico delle tensioni muscolari, favorendo stati di naturale rilassamento.

Ecco un esempio pratico (in tempo reale).

Esercizio di Presenza – Relax! – Esempio in tempo reale

  1. Scrivo l’articolo che stai leggendo e, in un momento di presenza, mi chiedo: “IN QUALE PARTE DEL CORPO FISICO STO SPRECANDO ENERGIA, IN QUESTO MOMENTO?“.
  2. Sposto l’attenzione al corpo fisico e mi accorgo che i muscoli delle spalle, degli occhi, del viso e del cuoio capelluto sono contratti.
  3. Lascio andare gli stati di tensione individuati e sento un piacevole e benefico rilassamento che si espande anche a livello del corpo mentale e di quello emotivo, portandomi in uno stato di pace e calma interiore.
  4. Consapevole del fatto che le forme-pensiero che hanno generato quelle tensioni sono lì in agguato e pronte ad attaccare una volta che mi sarò immerso nuovamente nella scrittura, continuo a VEGLIARE sulle parti del corpo che ho appena rilassato.
  5. Torno totalmente alla mia attività di scrittura, con l’intenzione di ricontrollare periodicamente che le tensioni non si siano ripresentate. Se dovessi vederle nuovamente, riapplicherò i punti dell’esercizio e le lascerò nuovamente andare, fino a rendere automatico il processo.

Esercizio di Presenza – Relax! – Osservazioni finali

Ogni tuo stato di tensione fisica è quasi sempre la manifestazione tangibile di una forma-pensiero che si è attivata e ti sta portando via energia utile alla sua sopravvivenza.

Con l’esercizio di presenza di oggi, hai acquisito un ulteriore strumento di Lavoro su di Sé che ti tornerà molto utile per integrare le forme-pensiero che stanno creando la tua realtà nutrendosi della tua energia.

All’inizio, puoi restringere il campo di osservazione limitandoti alla testa e al viso. Quest’ultimo, in particolare, è quasi sempre lo specchio della tua condizione emotiva. Rappresenta, quindi, un’ottima base di partenza da cui sviluppare, gradualmente, l’esercizio, estendendolo pian piano a tutto il corpo.

Sono certo che, da questo momento in poi, quando sentirai il tuo corpo in tensione, non liquiderai più la cosa con superficialità, ma ti spingerai più in profondità e agirai attivamente – e RESPONSABILMENTE – per riprenderti ciò che è TUO.

Ti aspetto sul canale Telegram di Anima sul Sentiero. Iscriviti subito (gratis) e riceverai ogni giorno nuovo FUOCO per il tuo Lavoro Interiore, con la possibilità di condividere le tue esperienze con altre Anime sul Sentiero come te e me.

GRAZIE

Anima sul Sentiero
Sii la Fiamma che arde nella notte.

Commenta l'articolo:

Ricevi notifica dei nuovi commenti
Notifica di
guest
3 Commenti
Più vecchi
Più recenti Più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
Alessandra
Alessandra
Guest
3 mesi fa

Vorrei approfondire il concetto di forme pensiero, avete link da suggerire?
Grazie

Alessandra
Alessandra
Guest
Rispondi a  Anima sul Sentiero
2 mesi fa

Grazie, li prenderò

Alchimia e Lavoro pratico su di Sé (gratis) sul tuo smartphone.

Anima sul Sentiero